Risanamento fognature

relining-150x150

RISANAMENTO CONDOTTE FOGNARIE A GRAVITA’ E CONDOTTE GAS IN PRESSIONE

Dopo un’accurata videoispezione, realizzata attraverso sofisticate apparecchiature e telecamere che permettono una precisa diagnosi delle possibili anomalie presenti, si interviene rivestendo dall’interno la tubazione con una guaina in fibre di poliestere o vetrose (liner), impregnata di resine speciali e contenuta in un sistema chiuso da pellicole di polietilene ad alta densità.

La guaina impregnata viene prima inserita nella tubazione e fatta espandere, con pressione ad acqua o vapore, poi viene resa strutturale fino a indurimento completo garantendo uno spessore uniforme del rivestimento ed il rispetto del diametro originale della condotta nonchè un ripristino di grande resistenza e durata.

Le varie tipologie di Cured in Place Pipe si distinguono in base al metodo utilizzato per l’indurimento della resina (polimerizzazione):

  • metodi ad acqua;
  • metodi a secco (aria e vapore surriscaldato);
  • metodi a raggi ultravioletti (UV- Lining);

ed in base al metodo utilizzato per l’inserimento del liner nel tubo ospite:

  • inserimento per inversione;
  • inserimento per trazione.

Il metodo da noi proposto è l’UV-Lining che utilizza la tecnica della foto polimerizzazione attraverso l’eccitamento, tramite delle lampade a raggi UV, di fotoiniziatori (catalizzatori sensibili ai raggi UV) presenti nella resina.

Il liner utilizzato è in fibra di vetro che, a differenza del tipo classico in poliestere, durante la polimerizzazione unisce le proprie capacità meccaniche con quelle della resina dando vita ad un Materiale Composito in grado di resistere sia alle trazioni che alle compressioni.

La tecnica utilizzata per l’inserimento del liner è quella per trazione che riduce notevolmente i tempi di lavorazione e necessita di spazi sul cantiere di gran lunga più ridotti rispetto alle tecniche ad inversione.

I vantaggi che ne derivano dall’UV-Lining, rispetto alle tecniche tradizionali, sono molteplici:

  • elevato grado di controllabilità della polimerizzazione della resina (controllato passo per passo attraverso una telecamera e dei sensori di temperatura)
  • resistenze meccaniche molto superiori
  • scabrezze migliorative
  • bassissime concentrazioni di stirene
  • minor costo delle lavorazioni
  • minore riduzione della sezione utile delle tubazioni
  • minore ingombro dei mezzi utilizzati sul cantiere
  • maggiore velocità nelle fasi di lavorazione

Continuando ad usufruire l contenuti del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. più informazioni...

Le impostazioni dei cookie per questo sito sono impostate su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi